Home
Musica
Scrittura
Galleria
Biografia
Archivio
Links
Contatti

Betelgeuse

Ttai Morra & Maurizio Grandolini
Duo acustico di voci e chitarre

Chi siamo
Il duo BETELGEUSE nasce nel 2011 dall'incontro tra la bossa nova di Ttai Morra (cantante italo-brasiliana, cresciuta in provincia di Cuneo ed ora trapiantata nella Tuscia viterbese) ed il rock britannico di Maurizio Grandolini (cantante e chitarrista viterbese). La fusione dei due generi apparentemente distanti tra loro ha dato vita ad una commistione originale di suoni e brani musicali, che ha ampliato nel tempo il territorio di sperimentazione musicale del duo, regalandogli un repertorio non abituale per una classica coppia voce-chitarra, e trasformandolo infatti in un inaspettato duo di "voci e chitarre".

Genere
Musica brasiliana e rock acustico.
Ci piace dire che "suoniamo per voi la musica che piace a noi".

Repertorio
Alcuni brani che eseguiamo:
MAIS QUE NADA (Jorge Ben Jor-Sergio Mendes)
BEIJA EU (Marisa Monte)
PAIS TROPICAL (Jorge Ben Jor)
GAROTA DE IPANEMA (Tom Jobim)
TRISTEZA (Vinicius De Moraes)
SHIMBALAIÉ (Maria Gadu)
TICO TICO (Zequinha De Abreu)
AQUARELA DO BRASIL (Ary Barroso)
BESAME MUCHO (Consuelo Velasquez)
MY GIRL (Smockey Robinson)
STAND BY ME (Ben E. King)
SOMEWHERE OVER THE RAINBOW (Harold Arlen)
FORGIVENESS (Elisa)
WISH YOU WERE HERE (Pink Floyd)
REDEMPTION SONG (Bob Marley)
THREE LITTLE BIRDS (Bob Marley)
BROWN EYED GIRL (Van Morrison)
CHE FREDDO FA (Nada)
SUMMER WINE (The Corrs & Bono)
WHEN THE STARS GO BLUE (The Corrs & Bono)
ONE (U2)
WHITE AS SNOW (U2)
I STILL HAVEN'T FOUND WHAT I'M LOOKING FOR (U2)
SLOW DANCING (U2)
ALL I WANT IS YOU-THE FIRST TIME (U2)
WIND OF CHANGE (Scorpions)
SPACE ODDITY (David Bowie)
DRIVE IN SATURDAY (David Bowie)
THE MAN HOW SOLD THE WORLD (David Bowie)
SORROW (David Bowie)
SOUND OF SILENCE (Simon & Garfunkel)
TRUE COLORS (Cindy Lauper)
THAT I WOULD BE GOOD (Alanis Morissette)
THANK YOU (Alanis Morissette)
NO PRESSURE OVER CAPPUCCINO (Alanis Morissette)
IRONIC (Alanis Morissette)
CRAZY LITTLE THING CALLED LOVE (Queen)
KARMA CHAMELEON (Culture Club)
PATIENCE (Guns 'n' Roses)
KILLING ME SOFTLY (Roberta Flack)
INSTANT KARMA (John Lennon)
SINCE I DON'T HAVE YOU (Skyliner)
IF IT MAKE YOU HAPPY (Sheryl Crow)
WONDERFUL LIFE (Black)
NOTHING ELSE MATTERS (Metallica)
GIANNA (Rino Gaetano)
MA IL CIELO E' SEMPRE PIÙ BLU (Rino Gaetano)
BEAUTIFUL THAT WAY (Noa)
FUEGO LENTO (Rosana)
EL TALISMAN (Rosana)
GENERALE (De Gregori)
HOY (Gloria Estefan)
MARIA (Blondie)
TRINITÀ (dal film “Lo chiamavano Trinità”)
LUCE (Elisa)
IL TEMPO DI MORIRE (Battisti)
10 RAGAZZE (Battisti)
INSIEME (Mina)
E LA LUNA BUSSÒ (Berté)
MEDLEY BEATLES





..........





La Compagnia “Bandainbilico”

presenta

Kalèido
ovvero
Masche, Incantesimi e Realtà



Scritto da Ttai Morra
Voce Narrante: Valerio Largo
Attrici: Ttai Morra, Silvia Basile
Concezione musicale e fisarmonica: Alberto Poggio
Chitarra: Alessandro Stagnaro
Basso: Silvia Basile


Ai bordi di un lago qualunque di una valle cuneese o della fantasia di ognuno,
“Kalèido” ci porta a scoprire realtà nascoste, concesse solo agli occhi dei pochi
capaci di vedere oltre il bello della forma, come in un caleidoscopio di mondi paralleli
che cambiano aspetto a seconda della prospettiva da cui si guarda.
In una dimensione in cui si confondono i confini tra l’immaginazione e la realtà tangibile,
la fiaba passa da un teatrino di marionette alla strada e viceversa,
lasciando che le differenze tra “vero” e “sognato” perdano del tutto il proprio valore,
e che coloro che narrano diventino continuamente essi stessi parte della storia narrata.
“Kalèido” è un piccolo viaggio che nasce tra le favole e le leggende della tradizione popolare,
tra le nenie dei segreti di saggezza contadina da sempre tramandati oralmente nelle valli
e davanti i fuochi dei camini, insegnando a chi li ascolta che la realtà non sempre è come sembra.


La Compagnia “Bandainbilico” nasce dalla fusione di alcuni artisti professionisti
provenienti da diverse regioni italiane e si propone di portare l’arte di strada
come esempio educativo di mescolanza di arti e di culture. Alcuni di essi, dopo aver lavorato
a lungo all’estero, hanno scelto la Tuscia per dar vita a nuovi progetti artistici.
La referente del gruppo, Ttai Morra, è presente attivamente sul territorio sorianese e viterbese
come insegnante di canto presso l’Associazione Culturale “Musikè” di cui è anche socia fondatrice.
Fa parte della Compagnia anche l’attore Valerio Largo che ha lavorato con Giancarlo Gainnini,
ed ha partecipato ad produzioni cinematografiche e televisive nazionali.
L’ultimo progetto della Compagnia “Bandainbilico” è rivolto principalmente ad un pubblico di bambini.
Lo spettacolo in questione, intitolato “Kalèido – ovvero Masche, Incantesimi e Realtà”,
porta in scena racconti della tradizione popolare accompagnati da musiche dal vivo,
mirando a trasmettere al giovane pubblico i solidi valori tramandati da sempre nelle comunità rurali e nelle valli.
Una favola di "masche" (le streghe delle valli piemontesi) che, raccontata da attori e burattini,
porta il pubblico ai bordi di un lago immaginario dove potrà scoprire che la realtà
è fatta da mille sfaccettature diverse, ognuna tanto bella e vera quanto le altre.


Questo spettacolo verrà presentato in prima assoluta domenica 9 maggio 2010 a Viterbo,
e parteciperà allo “Shakabum - Festival di Teatro di Strada” il 26 settembre 2010 a Cuneo.





L’arte, lo spettacolo: elementi che toccano il cuore anche inconsapevolmente, qualcosa di cui difficilmente ci si può privare a lungo o alla cui ricerca tendiamo anche solo sporadicamente. Ognuno di noi sceglie per svagarsi il teatro, il cinema, un concerto o una discoteca dove sciogliere, danzando, le tensioni della quotidianità. La passione per una qualsivoglia forma d’arte è più presente in noi di quanto si possa credere, scarabocchiando foglietti della spesa, o cantando nella doccia. Per la maggioranza di noi però tutto ciò non rimane che un pensiero distratto, una passione incoltivata o un hobby saltuario.
C’è invece chi si è preso la briga di far sì che queste nostre passioni possano occupare lo spazio che meritano. Dopo aver scelto l’arte come vita personale e professionale, tre giovani artisti hanno deciso di dar vita nel viterbese a qualcosa di nuovo che sperano possa trasmettere la loro passione.
Da tre anni Gioia Tarulli, ballerina promettente ed allieva di Irina Roska, insegna danza classica e moderna a Soriano nel Cimino, alla Scuola di Danza “Tersicore”. Da quest’anno però prende vita un nuovo progetto parallelo: la Scuola di Musical e Spettacolo Musiké, in cui sarà possibile frequentare corsi di danza classica e moderna con Gioia Tarulli, corsi privati di canto moderno tenuti da Ttai Morra, corsi di recitazione cinematografica, teatrale e dizione, tenuti da Valerio Largo, attore di fiction e teatro, nonché corsi comuni per l’insegnamento completo delle tre discipline portanti del musical. In aggiunta a queste tre discipline portanti, saranno presenti anche corsi di disegno e pittura, di chitarra e di pianoforte.
Tale progetto nasce dall’amore dei tre artisti per lo spettacolo, e da una profonda amicizia che li lega da tempo e che li ha portati a credere che la loro passione valga la pena di essere trasmessa. E qual miglior luogo di Soriano nel Cimino, paese che addirittura Federico Fellini scelse per trascorrere il tempo, e che nella tranquilla provincia viterberse accoglie l’arte a braccia aperte.
La mia scuola di danza fu accolta subito con grande entusiasmo e di certo Soriano saprà dar valore al talento e alle nuove idee”, ci spiega Gioia. “In questo nuovo progetto ogni allievo potrà scegliere uno o più corsi a seconda della propria indole e del proprio tempo libero. Ciò che ci interessa davvero, è trasmettere a coloro che verranno da noi qualcosa che in realtà non si può insegnare, ma che si può solo provare cantando, danzando o recitando, e che è l’emozione forte di esprimersi attraverso una forma d’arte.
Inoltre il corso di musical”, aggiunge Ttai, “è qualcosa di innovativo che mette insieme le tre discipline, dando una preparazione completa sia pratica che teorica del musical, che è stato una delle forme di spettacolo più popolari del Novecento, al cinema o a teatro. Nella nostra scuola accoglieremo tutti coloro che hanno una passione o anche solo la curiosità di fare qualcosa che non si sono mai concessi di fare, a prescindere dall’età e dalle capacità. Gli adulti credono che sia ormai troppo tardi per incominciare, i ragazzi che ci sia sempre tempo, ma la vita è qui ed ora e se c’è una piccola passione vale la pena di coltivarla.
Dunque la scuola Musiké si propone di offrire a tutti l’insegnamento professionale di ogni disciplina e di dare al contempo una preparazione globale con cui potersi esprimere o magari scegliere di seguire le proprie passioni, come hanno fatto i tre giovani insegnanti della Musiké. Inoltre va ricordato che la Musiké è anche la prima scuola nel suo genere a nascere nella Tuscia, in cui si può contare su insegnanti qualificati e programmi didattici finalizzati alla messa in scena di nuovi spettacoli.
L’arte è qualcosa di innato: sentiamo sempre qualcosa di irrazionale mentre guardiamo un quadro o ascoltiamo una canzone”, ci dice Valerio. “Purtroppo al giorno d’oggi non si da più credito a quell’emozione, mentre noi non solo vogliamo darle ascolto, ma vogliamo fornire ai nostri allievi la consapevolezza delle proprie passioni, la conoscenza per poter scegliere o semplicemente gli strumenti giusti per esprimere la parte più autentica di sé. Sembrerà ambizioso o presuntuoso, ma per noi l’arte è un’esigenza primaria e l’abbiamo scelta come professione, e allo stesso tempo sappiamo bene che spesso sotto una giacca ed una cravatta si nascondono qualità e talenti che, pur restando un hobby, ci piacerebbe far scoprire.